Sapevi che il cibo contaminato può uccidere?

Quando il cibo non viene preparato o conservato in modo igienico, può correre il rischio di essere contaminato da batteri o funghi. Essere consapevoli di questi segni può essere un segno di vita o di morte, in casi più estremi.

Quando si tratta di cibo preparato in un ambiente commerciale, occorre prestare attenzione perché il sito di produzione alimentare deve essere conforme a tutte le Good Practices Handbook e seguire le Procedure operative standard..

Va tenuto presente che quando si parla di sicurezza alimentare, ci sono tre "T" fondamentali: tempo, temperatura e tecnica di preparazione. Questo trio deve soddisfare alcune caratteristiche formali per soddisfare i requisiti di sicurezza alimentare di base.

Foto: depositphotos

Applicazione delle 3 "T"

Ad esempio, un cibo caldo dovrebbe essere ad una temperatura di oltre 60 ° C, mentre un freddo dovrebbe essere fino a 10 ° C. Nel caso dei ristoranti self-service, un pasto caldo può essere lasciato al massimo sei ore esposte alla temperatura ideale, già le vacanze fino a 4 ore.

Quando non vengono rispettati gli standard di base di conservazione, le contaminazioni avvengono attraverso vari mezzi. Nelle sostanze chimiche possono esserci rilascio di metalli pesanti o contaminazione di pesticidi, le foglie possono rilasciare tossine naturali, inoltre si possono formare batteri e funghi patogeni.

Pericoli e precauzioni

Le malattie trasmesse da alimenti contaminati sono diverse. Ci sono più di 200 tipi. Pertanto, è importante essere sempre consapevoli di come il cibo viene offerto in determinati stabilimenti, ma anche quando si va al supermercato. Lì è necessario osservare la data di scadenza e il formato del pacco.

Durante l'estate, il cibo diventa ancora più sensibile. Pertanto, osservare la conservazione di loro e anche l'igiene degli utensili che hanno avuto contatto con gli ingredienti. Coloro che gestiscono i piatti devono anche tenere le mani pulite ed evitare il contatto se sono feriti o hanno influenza, diarrea, dolore addominale o vomito.

Infine, non è mai troppo fare affidamento sulle prestazioni di un nutrizionista. Questo professionista può consigliarti sulla corretta gestione del cibo, a casa o in un punto commerciale. Darà sicuramente un valore aggiunto al tuo prodotto finale.

Nei casi di bambini, gli anziani e le cure in gravidanza dovrebbero essere prioritari, perché l'immunità di questi individui li lascia più esposti degli altri. Siate sempre attenti e non solo interessati al gusto dei piatti, ma anche alla qualità di ciò che viene preparato e servito.