Il rischio di trombosi aumenta con l'uso di contraccettivi

La trombosi venosa profonda (TVP) è quando c'è un coagulo di sangue nelle vene, meglio noto come "trombo", e provoca un'infiammazione delle pareti dei vasi.

Nelle donne questo problema si pone più frequentemente a causa dell'uso improprio dei contraccettivi, poiché questi farmaci alterano la circolazione sanguigna e quindi aumentano il rischio di formazione di coaguli nelle vene profonde. La principale preoccupazione, tuttavia, è quando il trombo si stacca e viene portato ai polmoni, essendo chiamato embolia polmonare (PE), una condizione fatale nella maggior parte dei casi.

Tenendo conto di questo problema nella salute delle donne, i ricercatori hanno sviluppato una ricerca per valutare il rischio di trombosi utilizzando i nuovi tipi di contraccettivi.

Foto: depositphotos

"L'agenzia farmaceutica statunitense, la FDA, ha già discusso gli effetti avversi delle nuove pillole anticoncezionali e ha incluso un aumento del rischio nei suoi inserti. L'incidenza di 12,5 casi su 100.000 donne che hanno usato gli ormoni contraccettivi è salita a 30,8 casi dopo l'introduzione delle pillole più moderne ", afferma il chirurgo vascolare e l'angiologo Dr. Aline Lamaita.

Come influiscono i nuovi farmaci?

L'aumento del rischio di trombosi deriva da nuove combinazioni chimiche di contraccettivi. Secondo uno studio britannico e pubblicato dalla rivista The BMJ Today, il rischio di trombosi è quasi quadruplicato nelle donne che assumono contraccettivi orali combinati contenenti drospirenone, desogestrel, gestodene e ciproterone.

"Il rischio è quasi raddoppiato rispetto alle donne che assumono contraccettivi orali di estrogeni più anziani contenenti levonorgestrel, noretisterone o norgestimata", afferma Lamaita.

"Questi metodi saranno generalmente più a rischio per i contraccettivi più anziani (levonorgestrel), ma inferiori per i contraccettivi moderni", ha aggiunto..

Fattori di rischio

Tuttavia, non sono solo i contraccettivi che possono influenzare lo sviluppo della trombosi, ma altri fattori che possono contribuire all'incremento dell'incidenza della trombosi sono:

  • Età superiore a 35 anni;
  • Eccesso di peso o obesità;
  • Vene varicose nelle gambe;
  • il fumo;
  • Cancro o l'uso di farmaci chemioterapici;
  • l'immobilità;
  • Trombofilia (causa ereditaria);
  • traumi;
  • Malattie croniche (come insufficienza cardiaca o malattia polmonare cronica).

Cosa si può fare per prevenire la trombosi?

Di fronte a questa informazione, il paziente può sentirsi incoraggiato ad evitare i contraccettivi, una decisione totalmente controindicata dal medico. L'incidenza generale di trombosi venosa nei pazienti con uso di contraccettivi è bassa.

I suoi benefici superano i rischi quando indicato ", spiega il medico. "Consulta sempre il tuo dottore di fiducia e parla del contraccettivo. Tutti i farmaci sono soggetti a complicanze e la decisione se il rischio / beneficio di questo farmaco è valso è tra te e il medico ", conclude.