Tratta la febbre gialla con un rimedio a casa

La febbre gialla è una malattia emorragica virale (virus flavivirus) che causa molte vittime in tutto il mondo. Come la dengue, la malattia viene trasmessa dal morso delle zanzare infette. La malattia non viene trasmessa da persona a persona, ma può essere trasmessa quando una persona infetta viene morsa da a Aedes aegypti, e quindi una persona non vaccinata viene morsa dalla stessa zanzara.

È difficile riconoscere l'esordio precoce della malattia, poiché le manifestazioni sono varie, dall'assenza di sintomi alla disfunzione organica generalizzata. In generale, l'insorgenza della malattia è caratterizzata da sintomi simil-influenzali come febbre alta, mal di testa, vomito, nausea, dolori muscolari e scarso appetito.

Foto: riproduzione

Rimedio domestico per il trattamento

Senza un trattamento specifico, poiché i farmaci che vengono somministrati ai pazienti con la malattia mirano a ridurre i sintomi, esistono rimedi naturali. Il tè Jurubeba è una medicina eccellente per casi come questo, poiché ha proprietà protettive del fegato, febbrili e digestive, oltre a contribuire alla pulizia del fegato e della milza. La pianta è efficace in quanto aiuta ad alleviare i sintomi della malattia. Controlla sotto la modalità di preparazione e consumo.

ingredienti

  • 1 cucchiaio di foglie di jurubeba
  • 500 ml di acqua

Come prepararsi?

Per preparare il tè, mettere l'acqua in un contenitore e quindi portare al fuoco e attendere l'ebollizione. Poi aggiungi, senza spegnere il fuoco, la jurubeba. Spegnere il fuoco, coprire e lasciare mescolare la miscela. Quando sei a una temperatura da bere senza bruciare, filtrare e consumare tre tazze, senza dolcificare, tutti i giorni.

Ulteriori controindicazioni e avvertenze

I pazienti sospettati di avere la febbre gialla non devono usare medicinali contenenti acido acetilsalicilico.

Il trattamento con il rimedio domiciliare deve essere effettuato solo come un modo per integrare il trattamento con antidolorifici e antipiretici indicati da un medico, che deve seguire il trattamento dall'inizio alla fine. Prima di completare il trattamento con il tè jurubeba, parla con un medico e controlla l'interazione con il farmaco.

Il tè Jurubeba non deve essere consumato per periodi prolungati a causa della presenza di alcaloidi e steroidi che possono causare intossicazione. Osservare i sintomi di intossicazione: diarrea, duodenite erosiva, aumento degli enzimi epatici, gastrite, nausea, sintomi neurologici e vomito. Nessuna controindicazione è stata trovata nella letteratura consultata.