Trattamenti naturali per gozzo

Il gozzo è una malattia caratterizzata da carenza di iodio nel corpo, che porta ad un ingrossamento della ghiandola tiroidea, che può manifestarsi o meno con gonfiore al collo. La tiroide è una delle più grandi ghiandole del corpo umano e utilizza lo iodio nella sua secrezione. Questa ghiandola agisce in funzione di organi importanti come cuore, cervello, fegato e reni, e il suo corretto funzionamento garantisce l'equilibrio e l'armonia dell'organismo. Le donne sono più inclini a questa malattia, specialmente nei periodi di pubertà, gravidanza o menopausa.

Quali sono i sintomi del gozzo?

I primi sintomi di questa malattia sono difficili da riconoscere perché sono di breve durata e appaiono come disturbi emotivi e possono passare quasi inosservati. I sintomi includono perdita di concentrazione, depressione, pianto, irritabilità e nella maggior parte dei casi c'è un tremito alle mani e una sensazione di estrema stanchezza.

La ghiandola tiroidea può aumentare di volume, ma molti casi gravi della malattia non mostrano alcun gonfiore visibile. Uno dei sintomi più gravi è la perdita di peso, che può persistere fino a quando l'individuo si sente molto debole.

Come trattare il gozzo in modo naturale?

Il trattamento per il gozzo include l'adozione di una dieta appropriata, riposo, rilassamento e pulizia intestinale con acqua tiepida. Il paziente ha bisogno di ripristinare i livelli di iodio richiesti dal corpo (1 microgrammo per chilogrammo di peso corporeo) attraverso un'alimentazione adeguata. La principale fonte di iodio è il mare e quindi si consiglia di fare un bagno in mare e l'uso di sale marino non raffinato.

Foto: riproduzione

Ecco alcuni trattamenti naturali per il gozzo:

Succo d'arancia con pesca

Il succo d'arancia con pesca, broccoli e alghe è un eccellente rimedio casalingo per il gozzo, poiché questi ingredienti sono ricchi di iodio.

ingredienti:

- Succo di 2 arance;

- 1 foglio di alghe disidratato;
- 10 g di broccoli;
- 1 pesca.

Metodo di preparazione:

Metti tutti gli ingredienti nel frullatore e mescola bene. Coe e bevi dopo. La raccomandazione di consumo di questo succo è 3 volte al giorno.

altro

Altri succhi di frutta come mela, ananas e uva sono anche raccomandati e possono essere assunti ogni due o tre ore per un periodo di cinque giorni.

Si raccomanda di ridurre il consumo di carote, patate dolci, cavolfiori, manioca, mais e germogli di bambù, poiché questi alimenti compromettono l'assorbimento di iodio da parte dell'organismo.