Trattamento naturale per abbassare la febbre

il febbre è un sintomo medico visibile attraverso l'aumento della temperatura corporea interna. Quando appare, di solito è il segno che qualcosa non sta andando bene e il corpo si auto-riscalda nel tentativo di risolvere ciò che è sbagliato.

Detto questo, è considerato un processo e naturalmente diminuisce col tempo. Tuttavia, in alcuni casi la febbre può essere un segno di infezioni e altri problemi più gravi. Pertanto, sarà necessario un intervento per evitare gravi danni all'organismo.

Pensandoci, il Rimedio domestico preparato questo articolo con l'aiuto dello specialista farmaceutico nelle piante medicinali Adriana Pereira Freire Junqueira. Qui troverai consigli sui trattamenti naturali per ridurre la febbre e scopri quali cure dovrebbero essere assunte dopo l'insorgenza di questo sintomo.

Trattamenti naturali per abbassare la febbre

Oltre al bagni caldi e raffreddamento locale dove si trova la persona febbrile, altri rimedi casalinghi aiutano a controllare la febbre.

Oltre alle compresse fredde, altri trattamenti naturali possono porre fine alla febbre (Foto: depositphotos)

Dai un'occhiata ad alcuni di loro:

  • aglio: preparare la cosiddetta "acqua all'aglio". Per questo, è necessario mettere due spicchi d'aglio schiacciati in un bicchiere d'acqua per 6 ore. Quindi filtrare e prendere tre volte al giorno. O una capsula di aglio due volte al giorno
  • cipolla: mescolare 2 cucchiai di succo di cipolla in una tazza d'acqua. Prendi i cucchiaini. Secondo Junqueira, la cipolla è ricca di antinfiammatori naturali che possono aiutare nei casi di febbre causata dall'infiammazione
  • anguria: durante le crisi di febbre, le diete dei succhi naturali sono eccellenti. In questo caso, il cocomero è uno dei frutti speciali per abbassare la febbre. Prendi un bicchiere di succo di anguria tre volte al giorno
  • arancione: bevi succo d'arancia o poncho più volte al giorno senza aggiungere zucchero
  • Camomilla e alfavaca: utilizzare 3 cucchiai per ogni litro di acqua bollente. Bere due o tre volte al giorno, aggiungendo 15 gocce di propoli ad ogni dose. Nel caso dei bambini, la dose dovrebbe essere la metà
  • Rosmarino ed eucalipto: utilizzare 3 cucchiai di erbe per ogni litro d'acqua. L'assunzione dovrebbe essere di due o tre tazze al giorno, con 15 gocce di propoli per ogni dose. In caso di bambini, il dosaggio dovrebbe essere la metà.

Altri rimedi casalinghi per la febbre

Secondo la casa farmaceutica Adriana Junqueira, ce ne sono diversi tè che aiutano a diminuire temperatura corporea Successivamente vedrai come la preparazione e il dosaggio indicati per ogni fascia d'età.

Tè al salice bianco

Secondo Junqueira, salice bianco (Salix Alba) che ha la salicina come principio attivo ed è antipiretico. Tuttavia, usandolo non può essere fatto da donne in gravidanza o che stanno allattando o per bambini sotto i 3 anni.

Pertanto, i bambini tra i 3 ei 7 anni possono prendere l'infuso fatto con un cucchiaino di buccia e una tazza di acqua bollente. Per i bambini di età compresa tra 7 e 12 anni, l'infuso deve essere fatto con un cucchiaio di dessert di sambuco bianco, bollito in una tazza d'acqua. Negli adulti, l'infusione deve essere eseguita con un cucchiaio di pianta per ogni tazza d'acqua.

In tutti i casi il tè dovrebbe essere bevuto al massimo quattro volte al giorno, fino a quando la febbre non è controllata.

Tè alla buccia di limone

Come l'arancia, il limone (Citrus limon) è anche abbastanza efficace nel trattamento della febbre e nella regolazione della temperatura corporea. Il farmacista indicato è l'ingestione del tè ricavato dalla corteccia del frutto fresco e mescolato con succo di frutta, che dovrebbe essere preso al massimo quattro volte al giorno.

Il tè dovrebbe essere preparato usando la buccia di mezzo frutto fresco, che deve essere lasciato in infusione per 10 minuti in una tazza di acqua bollente. Dopo quel tempo, aggiungi il succo di limone e prendi solo mezza tazza di infusione.

Attenzione, per i bambini di età compresa tra 3 e 7, il tè dovrebbe essere fatto solo con ¼ della buccia di un limone fresco.

Tè di calendula

Un altro rimedio naturale efficace contro la febbre è il tè fatto con foglie di calendula (Calendula officinalis). L'infusione è adatto per bambini dai 3 anni. Tuttavia, dovresti essere a conoscenza dei dosaggi al momento della preparazione.

Pertanto, per i bambini tra i 3 ei 7 anni il tè deve essere preparato infondendo mezzo cucchiaio dei fiori in una tazza di acqua bollente. Per i bambini tra i 7 ei 12 anni, la misura dei fiori è di 1 cucchiaio e mezzo (dessert) per ogni tazza d'acqua.

Per gli adulti, l'infuso può essere fatto con un massimo di due cucchiai e mezzo di fiori di calendula per ogni tazza di acqua bollente. Questo tè dovrebbe anche essere assunto fino a quattro volte al giorno.

Tè allo zenzero

Junqueira indica anche il tè preparato con la radice di zenzero (Zingiber Officinale) per bambini sopra i 3 anni. A questa età, il tè viene preparato infondendo o cuocendo mezzo cucchiaio della radice in ⅓ tazza d'acqua.

Secondo il farmacista, questo tè può ridurre la temperatura corporea (Foto: depositphotos)

Per i bambini sopra i 7 anni e gli adulti, il tè può essere preparato con un cucchiaio o un cucchiaio e mezzo (zuppa) di zenzero, per ogni tazza d'acqua. In tutti i casi, la bevanda dovrebbe essere presa al massimo quattro volte al giorno.

Cosa fare per abbassare la febbre nei bambini?

"Bambini in generale, non dovrebbero bere tè"Dice l'azienda farmaceutica Adriana Junqueira. Questo perché il sistema immunitario non è ancora completamente formato, quindi le piante medicinali possono contenere sostanze con azioni poco conosciute o non sono igienizzate nel modo corretto.

Pertanto, possono persino peggiorare l'immagine che ha portato all'aumento della temperatura corporea. Pertanto, è meglio applicare lo sciroppo manipolato o la fitoterapia.

Inoltre, i bambini fino a 3 anni sono più vulnerabili alle principali cause di febbre, che sono infezioni e infiammazioni. Pertanto, se la febbre non diminuisce è necessario cercare un aiuto medico. (1)

Altre cure che aiutano a ridurre la febbre

Come è stato detto, la febbre non può sempre essere facilmente abbassata. Per questo motivo indica anche la farmacia Adriana Pereira Freire Junqueira bagni caldi, quasi freddo, affermando che possono aiutare a regolare la temperatura interna del corpo.

Un'altra cura è quella di applicare un asciugamano freddo sulla fronte e sul polso del paziente. Inoltre, il professionista indica anche di mettere il limone insieme all'acqua, poiché agisce come un regolatore di temperatura.

Junqueira indica ancora il consumo di cibo leggero, perché "nel caso della febbre il corpo consuma molta energia ed è essenziale consumare cibi leggeri e facilmente digeribili". Con questo, non sovraccarichi il corpo.

Quindi, i cibi più indicati sono quelli ricchi di potassio, perché aiutano a prevenire possibili disidratazioni, come ad esempio la mela e la banana. Inoltre, secondo il farmaco, i cibi ricchi di minerali e vitamine, oltre a quelli con azione anti-infiammatoria, sono ottimi aiutanti contro la febbre.

La febbre non è una malattia, ma un sintomo

Questa condizione è caratterizzata da un aumento della temperatura corporea al di sopra dei livelli considerati normali, che sono compresi tra 36,5 ° e 37 ° C. Quando la persona presenta temperatura superiore a 37,5 ° può essere considerato febbrile.

Secondo la casa farmaceutica Adriana Junqueira, la febbre è a aumento temporaneo della temperatura corporea. Pertanto, il corpo ha il compito di riportare la temperatura alla normalità dopo aver risolto il problema che la causa.

L'aumento della temperatura può essere dovuto a diversi fattori, tra cui:

  • infezioni
  • Sequele di lesioni tissutali
  • infiammazioni
  • Processi nocivi
  • Lesioni o anomalie nel cervello
  • Reazione ad alcune sostanze tossiche. (2)

Quando la febbre è tra 37,5 ° C e 38 ° C è considerata a bassa intensità. Già quando è tra 38 ° C e 39 ° C può essere interpretato come moderato. Ma quando è sopra i 39 ° C, può essere caratterizzato come alto.

Sebbene sia preoccupante, la febbre è generalmente considerata benigna, dal momento che può essere una risposta dell'organismo a una malattia. Tuttavia, se raggiunge i 42 ° C può causare danni ai neuroni, raggiungendo la meningea. Pertanto, in quest'ultimo caso si chiama ipertermia maligna.

Tuttavia, quando non diminuisce, può significare che l'infezione o l'infiammazione è già installata nel corpo. Pertanto, Junqueira sostiene che un professionista addestrato dovrebbe essere ricercato con urgenza.

Quando preoccuparsi della febbre?

Sebbene sia circondato da miti e persino da un certo timore, specialmente se accade con i bambini, la febbre non ha bisogno di preoccupazioni esagerate quando si verifica in persone sane e si presenta a livelli moderati.

Tuttavia, alcune circostanze giustificano un controllo più attento della temperatura, come nel caso della febbre accompagnato da altri sintomi. Ad esempio, diarrea, vomito, confusione mentale, torcicollo, qualsiasi dolore molto intenso o torsione su qualsiasi parte del corpo.

Altri casi, come tosse, eruzioni cutanee, difficoltà di respirazione, sonnolenza o irritabilità eccessiva, ferite infiammate, ecc., Dovrebbero anche ricevere maggiore attenzione. In tutti questi casi, lo è consigliato consultare immediatamente un medico..

in casi postoperatori è importante essere consapevoli quando la temperatura supera i 38 ° C. Questo perché, a seconda del momento dell'intervento, questo sintomo può comportare alcune situazioni preoccupanti.

Ad esempio, entro 48 ore dall'intervento la febbre può essere associata a problemi polmonari. Già tra il terzo e il quarto giorno, può significare polmonite. Infine, il quinto giorno, l'alta temperatura potrebbe indicare ascessi (regione di intervento con pus).

Ma ci sono alcune situazioni che non presentano l'infezione e nemmeno causano la febbre, sono: trasfusioni di sangue incompatibili, malattie reumatiche e malattie autoimmuni.

Inoltre, alcuni problemi hanno un caratteristico pattern febbrile, che attira l'attenzione sulla loro diagnosi. Tra loro ci sono tubercolosi, malaria e ascessi. E in ogni caso, ci sono caratteristiche peculiari della presenza di febbre.

Nella tubercolosi, per esempio, la febbre appare solo nel tardo pomeriggio, non troppo alta. Nelle fasi avanzate di questa malattia, c'è febbre frenetica, che aumenta durante la notte e bassa al mattino.

Nel caso della malaria, la febbre è alta e dura solo poche ore. Ma può anche accadere ogni giorno o ogni altro giorno a seconda del tipo di infezione e della frequenza con cui la persona è stata infettata.

Quando il problema è ascesso, la febbre è bassa e persistente, ma peggiora durante il periodo notturno.

Bambini sotto i tre mesi sono anche più vulnerabili, specialmente quando la causa della febbre non è chiara. Questo perché i loro corpi non sono ancora completamente preparati per affrontare infezioni e infiammazioni. (2)

Quando sapere che una persona ha la febbre?

La febbre è causata quando alcune sostanze chiamate pirogeni vengono rilasciate nel corpo. Quindi, oltre all'aumento della temperatura corporea interna, ci sono molti altri sintomi che possono essere presenti nel febbrile.

Per sapere se qualcuno ha la febbre, è necessario, in primo luogo eseguire la misurazione della temperatura corporea. Questa misurazione dovrebbe essere eseguita con l'aiuto di termometri e sempre orale o rettale. (2)

Il termometro deve essere usato per via orale o rettale (Foto: depositphotos)

Tuttavia, molte persone scelgono di misurare la temperatura attraverso le ascelle. Ma è importante notare che la temperatura in questa parte del corpo può essere tra 0,4 ° C o 0,8 ° C inferiore rispetto alla temperatura interna. (2)

Un altro sintomo presente nella febbre è il brividi, seguito da piloerection, quando i peli del corpo diventano inquietanti. Tuttavia, sono un meccanismo del corpo per cercare di abbassare la temperatura interna.

Inoltre, l'inizio della crisi, un rossore che appare in febbri più alte, fino a 39.4 ° C è comune. sentirsi freddo. (2)

Da quanti gradi la febbre può essere dannosa per il corpo?

Per essere considerato benigno, la temperatura corporea interna non deve superare 39,4 ° C. Sopra questo possono verificarsi lesioni cerebrali e il corpo perde la capacità di regolare la temperatura stessa.

Pertanto, l'intervento medico o l'alta temperatura possono portare alla morte. Quando il corpo raggiunge 40,5 ° e 42,2 ° C, va oltre la fase di ciò che è considerato critico dai professionisti della salute.

Questa fase è chiamata iperpiressia e potrebbe verificarsi un'interruzione. Ciò significa che quando il corpo di solito ha altri segni come disorientamento, disagio addominale, vomito, delirio e persino perdita di coscienza.

Se le alte temperature rimangono troppo a lungo possono portare alla morte. Le cause più frequenti sono dovute ad emorragie in alcuni organi del corpo e alla degenerazione delle cellule, principalmente del cervello. Inoltre, una febbre molto alta può portare a lesioni al fegato e ai reni, che possono causare loro di smettere di funzionare. (2)

Pertanto, quando hai la febbre, è importante cercare trattamenti naturali o meno. Ma se non possono abbassare la temperatura del corpo, il più raccomandato è ottenere aiuto da un operatore sanitario.

*ilrealizzato con la collaborazione del farmacista specializzato in Piante Medicinali Adriana Pereira Freire Junqueira, master in scienze della salute incentrato sulla farmacologia delle piante medicinali.

riferimenti

(1) Città di São Paulo. "Protocollo sulla febbre senza segni di localizzazione". Ospedale comunale Bambino Gesù Ospedale. Disponibile all'indirizzo: https://www.prefeitura.sp.gov.br/cidade/secretarias/upload/HIMJ_protocolo_febre_1254773653.pdf. Accede il 30 novembre 2018.

(2) GUYTON, Arthur C; HALL, John E. "Trattato di fisiologia medica". 11 ed. Rio de Janeiro: Elsevier, 2006.