La trombofilia in gravidanza conosce le cause e i sintomi del problema

La circolazione del sangue è molto importante in gravidanza. È attraverso di essa che i nutrienti e l'ossigeno raggiungono il bambino.
In questo periodo, la quantità di sangue aumenta fino a 1,5 litri durante la gravidanza. Pertanto, anche il ritmo e la frequenza cardiaca.
Il corpo ha molto più lavoro per mantenere la circolazione del sangue e la trombofilia è correlata a complicanze nella circolazione.
In questo articolo capirete cos'è la trombofilia, quali tipi, cause, principali sintomi e anche maggiori informazioni su questa complicanza durante la gravidanza.

Cos'è la trombofilia?

La trombofilia non è classificata come malattia. In effetti, è la tendenza a sviluppare trombosi, una malattia che si verifica con la formazione di coaguli che ostruiscono le vene e ostacolano la circolazione sanguigna.
La trombofilia è molto più pericolosa per le persone con una storia genetica o storica di trombosi.

Quali sono le cause:

il trombofilia è legato a:
  • trattamenti ormonali sostitutivi, comuni in menopausa;
  • ingestione di estrogeni, ormone presente nelle pillole anticoncezionali;
  • gestazione dovuta al problema del sangue alterato;
  • lunghi viaggi in aereo, a causa della pressione;
  • interventi chirurgici e immobilizzazioni;
  • trombosi ricorrente nella persona;
  • trombosi ricorrente in famiglia;
  • altre condizioni come ictus, infarto o morte improvvisa prima dei 50 anni in famiglia.

 Segni di trombofilia:

I casi di trombofilia possono verificarsi senza la percezione del medico e dei pazienti. Tuttavia, è possibile prestare attenzione ad alcuni segni importanti.
Casi di aborti ripetuti può essere una conseguenza di casi di trombofilia.
Analizza il storia di famiglia e la donna incinta, secondo le possibili cause della trombofilia.
gonfiore improvviso o persistente nel corpo della donna incinta. Una cura speciale per il viso e le mani in quanto i piedi di solito si gonfiano durante la gravidanza.
il ipertensione durante la gestazione, specialmente prima della 33a settimana di gestazione, può presentarsi la trombofilia.

Quali test sono necessari per identificare la trombofilia?

Non esiste un singolo esame in grado di rilevare la trombofilia, poiché non è una malattia in sé, ma una propensione alla trombosi.
In questo caso, il medico analizzerà i possibili segni di trombosi e chiederà alcuni esami del sangue.
L'esame del sangue che indaga sul fattore VIII viene chiesto di osservare la produzione di questo fattore di coagulazione nell'organismo della donna incinta e se ci sono problemi in relazione a lui.

Prendersi cura della trombofilia:

  • evitare lunghi viaggi in aereo;
  • Bere molta acqua;
  • fare una passeggiata leggera per 30 minuti ogni giorno;
  • follow-up medico regolare.

Sindrome da anticorpi antifosfolipidi (SAF):

SAF si verifica quando il corpo ha uno squilibrio nella produzione di anticorpi che interferiscono con la coagulazione del sangue. Questo rende il sangue più spesso e può portare alla formazione di coaguli, che è la stessa trombosi.
Il FAS nelle donne in gravidanza può compromettere la circolazione del sangue che va alla placenta, impedendo ai nutrienti di raggiungere il bambino. In questo caso, il rischio di aborto è molto alto..

La trombofilia ha preoccupato molti dottori e donne incinte a causa dei fattori di rischio, quindi è importante mantenere sane abitudini durante la gestazione. Consultare sempre un medico..
Vedi anche: 4 esercizi di grande rilassamento per la gravidanza.