Lo sapevi? Mangiare sano rende i bambini più intelligenti

La ricerca degli scienziati finlandesi mostra che i bambini che mangiano sano sviluppano più intelligenza.

Secondo lo studio, i bambini che mangiano frutta, verdura, pesce e cereali tendono a migliorare le loro capacità di lettura, scrittura e comprensione..

Oltre ad essere in grado di aumentare il quoziente di intelligenza del bambino (QI), una dieta sana ed equilibrata ha anche il potenziale per migliorare i sintomi del Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD).

Foto: depositphotos

Come è stata condotta la ricerca?

Lo studio ha coinvolto la partecipazione di 161 bambini tra i 6 e gli 8 anni. I ricercatori hanno seguito le loro abitudini alimentari e competenze accademiche con test standardizzati.

I risultati della ricerca hanno dimostrato che i giovani con una dieta sana hanno fatto meglio nelle valutazioni e hanno raggiunto risultati più rapidi nel processo di apprendimento.

La ricerca ha considerato una dieta nota come "dieta del Mar Baltico", ricca di frutta, verdura, cereali integrali, pesce e grassi insaturi. In questa dieta, c'è anche una riduzione del consumo di carni rosse, prodotti zuccherati e grassi saturi.

I risultati dello studio

Dopo aver considerato altre possibili influenze sui test di intelligenza, gli studiosi hanno scoperto che i bambini che hanno consumato frutta e verdura hanno segnato più di quelli che avevano una dieta meno sana.

Secondo The Week, i ricercatori dell'Università di Bristol in Inghilterra hanno scoperto che le abitudini alimentari di un bambino di 3 anni possono influenzare le loro capacità cognitive a 8 anni di età.

Lo studio sarebbe il primo a suggerire una relazione diretta tra la dieta dei bambini e la loro capacità intellettuale. I ricercatori sono stati in grado di osservare il miglioramento dei voti e maggiori progressi nelle loro capacità di lettura tra primo e terzo grado.

Secondo gli studiosi, circa il 23% dei bambini entra in scuola obesa o sovrappeso. Adottare una dieta sana dovrebbe essere parte dello sviluppo di ciascuno, per aiutarli a mantenere un peso sano e migliorare il rendimento scolastico.

Un altro studio, condotto nei Paesi Bassi, suggerisce che mangiare può anche essere un fattore chiave per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Confrontando le diete di 100 bambini con ADHD, i ricercatori hanno osservato che tre quarti dei bambini mostravano miglioramenti significativi nel comportamento quando la loro dieta era più sana.